Perchè lo yoga ai bimbi


Alcune premesse utili a comprendere che lo Yoga, in tutte le sue declinazioni, può e deve essere insegnato fin dalla tenera età, al di là di retaggi di fede, religione, appartenenza razziale, di genere e politica. Perché lo Yoga è una scienza.

Lo Yoga aiuta a stare meglio anche in funzione della sua natura olistica.

Se infatti praticato correttamente, mette in funzione e in relazione corpo, mente e sfera emotiva, grazie all’uso di movimenti e posture che sono necessariamente in relazione col respiro. Il quale, a sua volta, è riconosicuto essere potente strumento di controllo e conoscenza delle emozioni.

Cosa dunque di meglio come attività “ludico-motoria” (e non solo) per i bambini?

L’obbiettivo è aiutare ciascuno di loro a conoscersi un pochino meglio, a muovere il corpo in relazione al respiro, a sviluppare l’immaginazione e la creatività attraverso un metodo costruito ad hoc,  che li introduce in un mondo all’interno del quale l’immaginazione è importante tanto quanto respirare. Perché proprio attraverso la fantasia è possibile conoscere e sviluppare i talenti, che sono unici e irripetibili.

Una potenzialità che fin da piccoli sarebbe opportuno tornare a coltivare. Genitori e insegnanti, soprattutto

Anche se, a onor del vero, la massima utopia è di contribuire a costruire una società fondata sullo sviluppo e l’affermazione dei talenti individuali, anziché sul livellamento ipnotico e sulla morale massificante.

Ma davvero si tratta di utopia? Davvero non possiamo fare marcia indietro, riavvolgere il nastro e ricominciare cum grano salis con i bambini?

Come fa un bambino a controllare il corpo, il respiro, le azioni e reazioni, se non sa chi è? Se non conosce il proprio talento? Se non gli viene insegnato che non si deve controllare tout court ma che deve evitare di perdere il controllo sul suo talento, che non deve permettere che un tablet qualunque appiattisca la sua creatività, che nel suo corpo e non nelle schede di memoria degli arnesi tecnologici, si cela il segreto della gioia, dello stare bene. Che il suo corpo stesso contiene miliardi di schede di memoria che non basta una vita per “giocare” con tutte! Lo Yoga e le sue tecniche sono a tutti gli effetti uno strumento di profonda osservazione e conoscenza, un aiuto incontrovertibile per qualsiasi bambino in qualunque parte del mondo.

I bambini amano praticare Yoga perché dentro la dimensione dello Yoga conoscono il rispetto, la fiducia, la fantasia, la creatività, il valore, l’assenza del giudizio, l’accoglienza, il senso di appartenenza senza omologazione.

Per questo e per una serie infinita di altre buone ragioni è auspicabile che non solo l’educazione fisica torni a pieno ritmo nelle scuole primarie ma che anche la scienza dello Yoga venga inglobata nelle attività motorie. Lo auguriamo a tutti i bambini.

Rispondi