Yoga e Creatività


Cos’è la creatività?

Creatività è trovare una risposta nuova, originale pratica e utile.

“Se un bambino sviluppa la creatività, le sue fughe possono avvenire in vari ambiti e questa è un’ importante risorsa su cui può fare ricorso nei momenti critici. Attraverso la fantasia può anche esplorare le sue paure in un terreno sicuro e protetto e fronteggiare ciò che lo spaventa. Questo non significa estraniarsi dalla realtà, chiudersi, ma avere degli spazi mentali e psicologici dove è possibile rinfrancarsi, da cui si entra e si può uscire in qualsiasi momento. Riuscire a mantenere questa capacità anche da adulti in molte situazione difficili, aiuta a sopportarle meglio.” (Anna Oliviero Ferraris, Alberto Oliviero, Psicologia, I motivi del comportamento umano)

Esistono due tipi di pensiero, quello ”convergente” che di norma usiamo per tenere un discorso, per risolvere un problema, per collegare vari avvenimenti attraverso la logica, oppure quello ”divergente” che ci permette di trovare diverse idee partendo da un unico stimolo, con l’intuizione, per analogie, ipotesi associazioni. La creatività è un’interazione tra componenti cognitive, conative (motivazione, personalità) e fattori relativi al contesto e all’ambiente.

Creatività è anche saper utilizzare uno strumento che non è stato creato apposta per tale funzione in modo unico e originale, attraverso l’immaginazione.

Un mattone può dunque trasformassi in schiaccianoci, un piatto diventare il volante di un auto, un bastone fungere da spada, una batteria di pentole… uno strumento per fare un po’ di musica, un giornale si rivela un ottimo riparo in caso di pioggia, una serie di magliette legate l’una all’altra come corda, uno scatolone a mo’ di sgabello per i piedi e tanto altro ancora. Nella dimensione creativa, entrano in gioco vari tratti dell’intelligenza e della personalità quali l’originalità, la pertinenza, la fluidità, la flessibilità, l’elaborazione, l’impegno, la curiosità, l’introspezione, l’autonomia. La creatività sviluppa personalità ottimiste, interessate e motivazionali, aperte alle novità, interessate alla cultura e all’informazione con un buon repertorio di strategie e di abilità. Senza trascurare le conoscenze acquisite, gli stimoli offerti dall’ambiente e dal contesto in cui è essenziale che vi sia spazio per l’iniziativa, l’esplorazione, la sperimentazione, la riflessione e l’opportunità.

 

E lo yoga, per antonomasia, lascia molto spazio alla creatività.

Anzitutto, bisogna sempre ricordare che ciascun individuo pratica il proprio Yoga (originalità), essendo ognuno il frutto dell’interazione tra le proprie emozioni, la propria salute e le proprie capacità acquisite fino a quel momento. Non dimentichiamo inoltre che regola base dello yoga è il rispetto per se stessi e per gli altri, unici e irripetibili.
Talune posizioni che portano il nome di animali (pertinenza), possono sembrare bizzarre ma attraverso l’uso dell’immaginazione (flessibilità) permettono di avventurarsi su nuovi terreni, di tollerare l’incertezza senza lasciarsi disorient

 

are da un apparente disordine iniziale.

Attraverso l’uso dell’immaginazione, che cammina sempre parallelamente alla creatività, i bambini si possono trovare ad esplorare luoghi magici, abitati da creature straordinarie, da animali fatati e “dipinti” con colori vivaci. Permette loro di elaborare un mondo in cui sono protagonisti e non spettatori passivi, come accade ad esempio davanti alla Tv. In cui possono pianificare e realizzare qualcosa attraverso la curiosità e un’introspezione su che ciò piace di più e di conseguenza, col tempo, sviluppare maggiore consapevolezza di se stessi e maggiore autonomia nelle scelte importanti da adulti. Occorre ricordare che per un bambino ciò che per un adulto è abitudinario e non creativo viceversa è per esso. Grazie alla creativi
tà, il bambino può fare esperienza e affrontare per la prima volta un particolare tema o un problema pratico.

Lo Yoga è fondato sul rispetto.

La pratica dello Yoga educa il bambino non solo al rispetto di se stesso e del proprio corpo ma anche del proprio spazio e dello spazio altrui. Educa al rispetto dei compagni, del silenzio e della riflessione, Apre verso la pace, stimola a esprimersi senza giudicare, senza vergognarsi degli eventuali errori o dei limiti. Insegna come sfruttarli per progredire. L’ ambiente favorevole dello yoga permette al bambino di sentirsi libero e dar sfogo a tutta la sua originalità e personalità in una dimensione di sospensione dal giudizio. Proprio come accade durante l’esecuzione delle posture:  si gioca (si lavora) rispettando il proprio ritmo personale, la propria dimensione spazio-temporale, nella costante consapevolezza della bellezza dell’essere unici e irripetibili.

Rispondi